Mantenere il posto di lavoro

Consigli utili per mantenere il posto di lavoro

Introduzione

Oggi è difficile trovare un lavoro, ma lo è ancora di più riuscire a mantenerlo. Perchè?

Molti non prendono con serietà il lavoro che svolgono, o forse dopo una prima fase di entusiasmo finisco per ritenere la propria posizione all’interno dell’azienda come “sicura”, non producendo buoni risultati e mancando di interesse verso i propri compiti, il tutto a discapito dell’intera azienda!

Per mantenere il posto di lavoro è di fondamentale importanza lavorare sulle proprie qualità e competenze in modo costante, avere passione per il lavoro che si svolge ed essere rispettosi nei confronti del datore di lavoro, dei colleghi e dei clienti. Oltre a pensare a se stessi, però, risulta necessario acquisire la capacità di andare d’accordo e cooperare con gli altri.

Mostrati pronto a collaborare, ad aiutare e a sostenere i tuoi colleghi questo contribuirà a rendere il lavoro di tutti ottimale e profittevole a beneficio dell’azienda. Un esperto ha affermato “Coloro che riescono a conservare il posto di lavoro sono persone pronte a lavorare, che manifestano uno spirito volenteroso essendo disposti a fare qualsiasi cosa il principale chieda”. Uno spirito volenteroso, positivo, di cooperazione, accresce le tue probabilità di conservare il posto, al contrario uno spirito negativo e indifferente le riduce, ricorda che il tuo spirito si rifletterà nella qualità e nel rendimento del lavoro che fai! Vediamo in modo pratico cosa fare per mantenere il posto di lavoro.

 

Come mantenere il posto di lavoro?

  1. Siate cortesi e rispettosi verso superiori e colleghi.

 

  1. Fate quello che stabilisce la ditta. Non suggerite grandi cambiamenti se non siete invitati a farlo o non avete molta esperienza.

 

  1. Se siete specializzati non rifiutate altro lavoro semplicemente perché è diverso dalla vostra specialità.

 

  1. Siate puntuali e non perdete giornate lavorative se non per motivi indipendenti dalla vostra volontà.

 

  1. Durante le ore lavorative non fate lettura o lavoro personale, a meno che non abbiate ottenuto uno speciale permesso.

 

  1. Interessatevi del lavoro come se la ditta fosse vostra.

 

  1. Se c’è bisogno di lavoro extra o di fare ogni tanto lo straordinario, cooperate senza lamentarvi.

 

  1. Non considerate il datore di lavoro uno sfruttatore. Il lavoro ben fatto è probabilmente ricompensato.

 

  1. Non ci si dovrebbe preoccupare tanto dei propri “diritti” da dimenticare i “doveri” verso il datore di lavoro.

 

  1. Se possibile, evitate di infastidire i superiori coi vostri problemi personali, come ad esempio i disaccordi con i colleghi.

 

Adesso che abbiamo chiaro questi punti analizziamo nel dettaglio le aspettative di un datore di lavoro nei confronti dei suoi dipendenti:

Cosa cerca un datore di lavoro nei suoi dipendenti?

  • Puntualità e regolarità
  • Che avvisino se prevedono di arrivare tardi o di non arrivare
  • Osservanza delle norme della ditta
  • Onestà e fidatezza
  • Quantità e qualità del lavoro svolto in paragone con quello di altri
  • Rispetto per il caporeparto e i compagni di lavoro
  • Cura delle cose appartenenti alla ditta
  • Iniziativa
  • Che seguano le istruzioni
  • Che non siano lamentatori

Quindi in primo luogo, cercate di vedere l’azienda dove lavorate con gli occhi del vostro datore di lavoro.

Perché? Per lui la ditta è importantissima. Quindi apprezza che abbiate sinceramente a cuore il suo interesse. Questo richiede che ci si preoccupi non solo del lavoro stesso ma anche della propria condotta e dell’effetto che ha sulla ditta.

Chi ha sinceramente a cuore gli interessi dell’azienda è puntuale ed è pronto a cooperare quando occorre, ad esempio quando c’è dello straordinario da fare o quando ci sono lavori umili da compiere.

Chi bada troppo all’orologio o al compenso mostra di non avere a cuore il proprio lavoro. Bisogna tenere presente che il lavoro fatto volenterosamente, e bene, è ben ricompensato.

I datori di lavoro apprezzano i dipendenti che vedono il lavoro da fare e prendono l’iniziativa di farlo!

Quando sorge un problema imprevisto in relazione con il vostro lavoro, pensate alla soluzione. Cosa potete fare voi per aiutare a risolvere il problema? E se ricevete istruzioni sul modo in cui risolverlo, seguitele attentamente.

Se cercherete di risolvere i problemi, anziché crearli, sarete senz’altro aiutati a non perdere il lavoro!

Inoltre ricordate che onestà e cortesia portano frutto! Se aveste un’impresa per conto vostro, non vi farebbe piacere avere dei dipendenti di cui potervi fidare?

Il vostro datore di lavoro la pensa così. Siate dunque onesti con lui, anche nelle piccole cose.

 

Si può far molto per mantenere il posto di lavoro e non perdere l’impiego. Interessatevi sinceramente del vostro lavoro. Siate puntuali.

FATE DEL VOSTRO MEGLIO PER CONSERVARE IL POSTO DI LAVORO!

 

 

 

1852